Cuoio Capelluto e Capelli

Un cuoio capelluto sano è lisciosenza squame e di un colore rosa chiaro. E’ la zona su cui si radicano i capelli e un cuoio capelluto in salute farà fiorire una chioma al meglio delle sue potenzialità.
Struttura e Funzione 
Il cuoio capelluto, il cui rinnovamento cellulare dura all’incirca 2 settimane, presenta la medesima struttura della pelle. Esso ha molteplici compiti: funge da barriera fisica, da isolatore termico e da protettore immunologico.Il cuoio capelluto è costituito da:

tessuto cutaneo, diviso in:

epidermide, lo strato più superficiale della cute nel quale si trovano vasi capillari e nervi

derma, strato più profondo della cute: è a questo livello del cuoio capelluto che risiedono i vasi sanguigni e avviene la vascolarizzazione cutanea che porta il nutrimento ai capelli e garantisce la salute del cuoio capelluto.

tessuto sottocutaneo o ipoderma

muscolo epicranico il muscolo che si distende sulla volta cranica

I bulbi piliferi e le ghiandole sebacee risiedono nel derma. Queste ultime producono il sebo, essenziale alla formazione del film idrolipidico che protegge e idrata il cuoio capelluto. Quando le ghiandole sebacee, per una qualche disfunzione, non producono sebo a sufficienza, la cute dei capelli diventa secca e il cuoio capelluto resta più esposto all’azione di agenti ambientali esterni.

I diversi tipi di cuoio capelluto

Il cuoio capelluto è per i capelli ciò che un terreno è per le piante: come queste crescono e prosperano se ricevono un adeguato nutrimento dal terreno, così la salute dei capelli e la loro crescita dipende dalla salute del cuoio capelluto e dal suo regolare funzionamento. Ecco i diversi tipi di cuoio capelluto:

Cuoio capelluto secco: in un cuoio capelluto che funziona bene, le cellule che muoiono vengono espulse dalla superficie della cute dei capelli e sostituite con le nuove in maniera quasi impercettibile. Ma in alcuni casi si verificano anomalie del cuoio capelluto tali da produrre ammassi di cellule morte e agglomerate che assumono l’aspetto di squame: questo fenomeno di desquamazione può provocare non di rado un forte prurito alla testa e non di rado anche il fenomeno della forfora secca. In alcuni soggetti, si può sviluppare una forma di eczema o irritazione della cute chiamata dermatite seborroica, che provoca una sensazione di dolore e bruciore al cuoio capelluto.

Cuoio capelluto sensibile: in alcuni casi il cuoio capelluto non presenta anomalie visibili come forfora secca o dermatite seborroica, eppure può provocare dolore o fastidi come prurito, bruciore e ipersensibilità. Le cause sono in questo caso da ricercare nell’inquinamento, nello stress, nell’uso di shampoo aggressivi e nell’alimentazione oltre che essere legato all’uso di determinati farmaci o a cambiamenti ormonali.

Cuoio capelluto grasso: hai capelli che si sporcano subito? Probabilmente il tuo problema parte da un cuoio capelluto che ha una produzione eccessiva di sebo. Il sebo infatti si va a depositare alla base del capello andandolo a rendere perennemente unto, pruriginoso e antiestetico. Un cuoio capelluto grasso può presentare anche la forfora grassa, un disagio che si presenta come una desquamazione biancastra a livello del cuoio capelluto provocata dall’aumento del ricambio cellulare della cute. La forfora grassa è caratterizzata da scaglie grosse e spesse, che difficilmente si riescono a rimuovere, può causare prurito ed è un inestetismo di grande impatto.

Cuoio capelluto normale: nel caso in cui non si abbiano problemi specifici al cuoio capelluto come desquamazione, forfora secca o grassa o iper sensibilità, ma si lamentano capelli particolarmente deboli o che cadono al di là della normale stagionalità dei cicli di crescita dei capelli, si può comunque andare a nutrire con prodotti specifici anche un cuoio capelluto normale, per ottenere in generale capelli più forti.

I diversi tipi di Capelli

Le diverse categorie attraverso cui si classificano generalmente i capelli sono quelle più ovvie di capelli lisci, mossi, ricci a loro volta suddivisi in capelli fini e spessi. Ma ci può essere anche un’altra classificazione, fatta in base alla produzione di sebo:

Capelli secchi: spesso questi capelli, molto delicati, risultano anche sfibrati e danneggiati. La loro struttura presenta spesso doppie-punte e in generale i capelli tendono a spezzarsi.

Capelli grassi: sono i capelli che si sporcano subito. Spesso se si ha la pelle del viso grassa e con imperfezioni è molto probabile che anche il cuoio capelluto soffra della stessa problematica.

Capelli crespi: il tanto odiato effetto crespo è un problema molto comune che affligge non solo chi ha i capelli ricci, ma anche chi li ha sottili e chi, in generale, li sottopone a trattamenti aggressivi. Sono capelli fragili, opachi e ruvidi al tatto, gonfi e indisciplinati, difficili da gestire.

Per mantenere un cuoio capelluto sano e per riequilibrare tutti i casi di irritazione, ecco alcuni ingredienti da preferire e da evitare.

Da preferire:

Prebiotico di Cicoria
Il prebiotico di cicoria, estratto della radice di cicoria, è un prebiotico scientificamente approvato che rende la nostra pelle e il microbiota associato, più resistenti. E’ in grado di ripristinare il naturale equilibrio del microbiota, migliorando la salute della cute e riuscendo a lenire le irritazioni. Numerosi test confermano le sue proprietà.

Spirulina
Grazie al suo contenuto di rame, ferro e vitamine del gruppo B apporta particolari benefici se utilizzata in prodotti per la cura dei capelli, che risultano più sani e forti.

Li preserva dal precoce invecchiamento

Ha un’azione riequilibrante nei confronti della produzione di sebo

Previene la perdita dei capelli

Contrasta forfora e prurito

Mantiene la lucentezza dei capelli

Aminoacido di barbabietola
L’aminoacido di barbabietola è un osmolita naturale che protegge le cellule dalla disidratazione e dallo stress ossidativo causato dalle radiazioni UV. Rinforza la struttura interna del capello, rendere la superficie più morbida e più resistente alla frizione e alla rottura.

Estratto di fieno greco
Grazie alla presenza di sali minerali, vitamine, oli vegetali, fosfati organici, grassi e proteine, il fieno greco è utilizzato in prodotti specifici per la cura dei capelli. Previene e contrasta la caduta dei capelli promuovendone la crescita, è un ottimo idratante e condizionante, sebo-regolarizza il cuoio capelluto, da’ maggiore volume e corposità, lasciando i capelli setosi e lucidi

Olio di Babassu
L’olio di Babassu è famoso per il suo potere emolliente. Contiene acido laurico, l’acido miristico, l’acido palmitico, l’acido oleico e l’acido stearico.

Ha potere ristrutturante

Riporta alla naturale luminosità capelli secchi e danneggiati

Protegge da salsedine e raggi UV.

Da evitare:

Siliconi: creano un film impermeabile sui capelli e li disidratano. La disidratazione che creano sui capelli li indebolisce e causa doppie punte ed effetto crespo.

Parabeni: potenzialmente tossici e cancerogeni per il nostro organismo

Peg ed etossilati: possono essere tensioattivi ed emulsionanti di origine petrolchimica

Alcol: può asciugare i capelli se si trova in alte concentrazioni. Meglio evitare i prodotti che indicano l’alcool in etichetta tra i primi ingredienti.

Picramato: un ingrediente che spesso si trova nelle erbe tintorie non certificate o non naturali

Petrolati: sono ingredienti di origine petrolchimica e possono avere un effetto occludente sulla pelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Appuntamento

Chiamaci o compila il modulo sottostante e ti contatteremo. Rispondiamo, generalmente, entro 24 ore nei giorni lavorativi.